Riviera24Sport - Notizie di Sport in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Eclettismo sportivo all’istituto “Fermi-Polo-Montale”, febbraio è dedicato all’aerobica e alla ginnastica artistica foto

Nel corso dell'attività aerobica i gruppi muscolari, come quelli delle braccia, delle gambe e dei fianchi, si muovono coordinati e in continuazione, mentre la respirazione si fa più veloce e profonda

Ventimiglia. Le attività sportive nei tre plessi Fermi-Polo-Montale hanno il compito di offrire agli alunni una serie di proposte diversificate: dalla pallavolo al calcio, dal pin pong al badminton, dal walking al trekking, dalla ginnastica artistica all’aerobica, dal tiro con l’arco al tiro con la fionda.

I docenti di Scienze Motorie del « Fermi-Polo-Montale » hanno strutturato moduli didattici e sportivi, in maniera variegata per aumentare il bagaglio motorio degli alunni in modo adeguato, rispettoso delle singolarità e delle attitudini di ogni allievo.

L’obiettivo è di sviluppare negli studenti una personale cultura, legata all’acquisizione di sane regole di vita, educare la mente attraverso le attività sportive, insegnare a controllare la propria emotività e motricità, istruire a sapersi mettere in relazione con gli altri, acquisire i giusti concetti di correttezza e rispetto dei ruoli e delle regole. Le attività sportive sono dunque gli strumenti per aiutare le ragazze e i ragazzi ad affrontare situazioni che ne favoriscano la crescita psicologica, emotiva, sociale, oltre che fisica, e che li stimolino a trovare le strategie per affrontare e superare le proprie difficoltà.

La finalità è di aiutare le ragazze e i ragazzi a vivere la competizione come momento di verifica di sè stessi e non come scontro o aggressione dell’avversario e di creare in loro le condizioni perché ci sia un’educazione alla competizione e si sviluppi la capacità di vivere correttamente la vittoria ed elaborare la sconfitta, in funzione di un miglioramento personale.

Un’altra priorità della nostra programmazione didattica è di favorire l’inclusione anche degli studenti più deboli e disagiati, nei confronti dei quali va posta una particolare attenzione, in ragione del notevole contributo che l’attività sportiva può portare ad una loro integrazione scolastica completa nonché alla loro crescita umana.

Febbraio è il mese dedicato all’aerobica e alla ginnastica artistica. L’esercizio aerobico è alla portata di tutti, indipendentemente dall’età, dal peso o dalle capacità atletiche. Certamente, ogni attività fisica deve essere adeguata alle proprie condizioni e pertanto ogni allievo ha il diritto di seguire il ritmo e l’intensità di lavoro che più gli si adice.

Nel corso dell’attività aerobica i gruppi muscolari, come quelli delle braccia, delle gambe e dei fianchi, si muovono coordinati e in continuazione, mentre la respirazione si fa più veloce e profonda. Questa condizione permette di massimizzare la quantità di ossigeno presente nel sangue. Il VO2 max aumenta con l’allenamento, la differenza artero-venosa dell’ossigeno migliora notevolmente, i piccoli vasi sanguigni (capillari) aumentano la loro densità, fornendo così più ossigeno ai muscoli impegnati nell’esercizio, mentre si attiva un’operazione di rimozione dei metaboliti come l’acido lattico e l’anidride carbonica. Se combinato con una dieta sana, l’esercizio aerobico è un mezzo importante per contrastare il sovrappeso, mantiene sotto controllo l’Indice di massa corporea.

L’attività fisica aerobica abbassa il rischio di obesità, una condizione base di molte malattie. Inoltre, riduce il rischio di malattie cardiache, di ipertensione, di diabete di tipo 2, di sindrome metabolica, di ictus. Mantiene pulito il lume arterioso. Contribuisce inoltre ad alzare i livelli delle lipoproteine ad alta densità (HDL- il cosiddetto colesterolo “buono”) e a ridurre i livelli delle lipoproteine a bassa densità (LDL- il colesterolo “cattivo”). Questo si traduce in un ridotto accumulo di placche nelle arterie. Aumenta le capacità coordinative, migliora la percezione spazio-temporale e le capacità propriocettive e esterocettive ossia un miglioramento generale del bagaglio senso-motorio degli alunni. Durante, ma anche dopo l’attività aerobica, l’organismo rilascia delle sostanze antidolorifiche naturali che producono un senso di benessere, le endorfine: ulteriore conferma che il benessere fisico è associato e influenza notevolmente quello psichico.