Riviera24Sport - Notizie di Sport in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fabio Fognini riceve l’abbraccio della sua Arma di Taggia, con una dedica a Tiziano Chierotti fotogallery

"La più bella vittoria? Essere diventato papà"

Più informazioni su

Arma di Taggia. Grande festa questa sera in piazzale Chierotti ad Arma di Taggia dove il campione dell’Italtennis Fabio Fognini è stato premiato dal sindaco Mario Conio e dall’assessore al turismo Barbara Dumarte con la targa “Stella dello sport”, un riconoscimento per i suoi meriti sportivi e per aver portato il nome di Arma di Taggia nel mondo. Questa mattina in municipio Fognini era stato ricevuto dall’amministrazione comunale.

“Non ci si può abituare – ha detto il sindaco Conio nel presentare il campione – ad avere un ragazzo della nostra terra che davvero primeggia a livello mondiale, non è una cosa normale e non può essere considerata tale. Fabio porta in giro per il mondo il nome di Taggia ed Arma di Taggia.”

E accolto da tantissime persone, Fognini è salito sul palco e alla domanda “Quale è stata la tua più bella vittoria?” posta dallo showman Gianni Rossi, il numero uno del tennis azzurro ha detto “Essere diventato papà”. Lo scorso maggio infatti è nato il figlio Federico, la cui mamma è l’altra stella del tennis italiano femminile Flavia Pennetta, presenti in piazza per la premiazione.

 

19800809_1596549233740438_7027501214796100571_o 20023913_1596549503740411_7644071184884763419_o (foto Carlo Olivelli)

 

Ma in piazza Chierotti c’è stato spazio per l’emozione e per il ricordo di un figlio di Arma di Taggia caduto per la patria, ossia il caporale degli alpini Tiziano Chierotti morto durante una missione di pace in Afghanistan nel 2012. “Ricevere questa targa – ha detto Fognini – in questa piazza è una doppia vittoria, perchè è dedicata a Tiziano, questa targa va sicuramente anche a lui. Io da una parte, lui dall’altra abbiamo portato il nome di Arma di Taggia in alto.”

Fognini è stato poi letteralmente assalito dai fans, vogliosi di avere un selfie o un autografo del campione azzurro, scortato dall’assessore Espedito Longobardi.

Più informazioni su